Archive for the ‘Pop’ category

Disaster Week Festival 2009

28 ottobre 2009

dwf

“ciao azzuuuuu! ti lascio un link dove scaricare una compilation delle bands che suoneranno al sartea nel DISASTER WEEK FESTIVAL in arrivo
www.odbooking.it/download/DWFcompilation.zip
condividila pure con gli amici che possono apprezzare 😉 “

Il messaggio è incollato alla bacheca di Facebook, sono le nove e qualcosa e ho appena finito di cenare, con addosso un mezzo bicchiere di troppo. Leggo Disaster e penso: perfetto. (altro…)

Intrigo Rock 2009 (Quarta Edizione)

7 giugno 2009
Volantino Intrigo Rock 2009

Intrigo Rock 2009 si terrà venerdì 26 Giugno 2009 nell’ambito dell’Antica Sagra di San Piero a San Pietro Intrigogna (VI).

(altro…)

Working on a Dream – Bruce Springsteen (2009)

27 febbraio 2009

working on a dream

1. Outlaw Pete
2. My Lucky Day
3. Working On A Dream
4. Queen Of The Supermarket
5. What Love Can Do
6. This Life
7. Good Eye
8. Tomorrow Never Knows
9. Life Itself
10. Kingdom Of Days
11. Surprise, Surprise
12. The Last Carnival

13. The Wrestler

(altro…)

ANNO 2008: classifichiamo…

24 gennaio 2009

Mi lancio anch’io nella classifica di fine anno, perchè alla fine mi diverto un sacco (ma non fate molto caso ai commenti..)

20 DISCHI DELL’ANNO
1. Late of the Pier – Fantasy Black Channel: synth-pop in salsa jungle, elettro-clash, Gary Numan e di tutto un pò
2. Shearwater – Rook: è il mio ascolto melenso dell’anno (in sostituzione del White Chalk ’07)
3. Woven Hand – Ten Stones: tante ruvide cavalcate, rappresenta la mia scoperta dell’anno
4. Gang Gang Dance – Saint Dymphna: elettronica di casa Warp, esotica e ruffianissima
5. Portishead – Third: il grandissimo ritorno che sognavo, applausi
6. Flying Lotus – Los Angeles: elettronica di casa Warp(2), raffinata e nera
7. Mogwai – The Hawk Is Howling: che due palle il post-rock, ma se non ci fossero i mogwai..
8. R.E.M. – Accelerate: rock onesto e genuino perfettamente riuscito, un grande ritorno
9. Little Joy – Little Joy: delicato e piacevole, senza tanti fronzoli di contorno per questo progetto parallelo di un ex-Strokes
10. Current 93 – Birth Canal Blues [EP]: free Tibet! (altro…)

ANNO 2008: classifiche non-scientifiche by profMau

18 gennaio 2009

I 30 MIGLIORI ALBUM DELL’ANNO, con breve commento.
1. Black Mountain – In the future > settanta, led zeppelin, collettivo
2. White Denim – Workout Holiday > diretto, sporco, divertente
3. Sigur Rós – Með suð í eyrum við spilum endalaust > poesia, sinfonia, lalalalala
4. Late of the pier – Fantasy black channel > folle, ottanta, ilare
5. Have a nice life – Deathconsciousness > imponente, oscuro, polveroso
6. Port O’ Brien – All we could do was sing > schitarrato, scanzonato, piovoso
7. Notwist – The devil, you + me > krauto, sognante, viaggio
8. Bonnie Prince Billy – Lie down in the light > classico, emotivo,
9. Portishead – 3 > perforante, ruvido, essenziale
10. The Raconteurs – Consolers of the lonely > riff, distorto, r’n’r (altro…)

White Christmas Revisited: alternative per un Natale in musica

29 novembre 2008

Ritorno dopo più di un mese di silenzio quii su WallOfSound, dovuto soprattutto all’incremento di lavoro per il piccolo progetto radiofonico cui contribuisco… ma proprio questa occasione mi riporta su queste care pagine in occasione del Natale in arrivo.
Stavo giusto nei giorni scorsi cercando canzoni natalizie per dei jingle e mi sono intrippato a scovare cover di White Christmas… un numero incalcolabile dei più svariati generi, dal punk all’hip-hop, dal metal allo swing, dallo ska al jazz… Tra l’altro mi spunta fuori che Irene Grandi ha appena lanciato un originalissimo singolo per Natale: Bianco Natale… ancora! E persino prelude a un disco tutto di canzoni di Natale: una operazione commerciale realizzata praticamente da buona parte delle grandi voci della musica pop degli ultimi 50 anni… (altro…)

Viva la Vida (or Death and all his friends) – Coldplay 2008

5 ottobre 2008

  1. Life In Technicolor
  2. Cemeteries of London
  3. Lost!
  4. 42
  5. Lovers in Japan/Reign of Love
  6. Yes
  7. Viva La Vida
  8. Violet Hill
  9. Strawberry Swing
  10. Death and All His Friends
  11. the Escapist (ghost track)

(altro…)

Jovanotti live@Arena di Verona 16/09/2008

17 settembre 2008

Serata fresca ma piacevole nella sempre meravigliosa cornice dell’Arena di Verona. Nel segno del mio consueto eclettismo musicale (come ha sottolineato Diego sorpreso di trovarmi lì) stavolta per sentire uno degli ultimi concerti del Safari Tour di Lorenzo Cherubini. Sentire… a cose fatte più che altro vedere. (altro…)

Addio per sempre, Richard Wright

15 settembre 2008

Quando qualche minuto fa, in un forum, ho letto la notizia della dipartirta, dopo lunga e spietata malattia, di Richard, confesso che la commozione mi ha completamente avvolto. Anche le parole per scrivere questo breve epitaffio sono difficili da trovare.
Tutti noi (e con quel “NOI” sto pensando proprio a “QUEI NOI” di Wall of Sound), siamo stati toccati dalla musica dei Pink Floyd, ci siamo dovuti confrontare con i loro album capisaldi, siamo cresciuti insieme con Wish You Were Here, The Wall, Dark Side of the Moon e gli altri capolavori del gruppo inglese. La partenza del tastierista Richard Wright, insieme a Nick Mason uno dei due Floyd “silenziosi”, fuga le ormai pochissime opportunità di reunion dei 4.
Ora non ci resta che rituffarci nelle note, splendide, bellissime, delle sue tastiere, che hanno impreziosito tantissimi classici floydiani.
Vi lascio con la musica della quasi beatlesiana Summer ’68 dall’album Atom Earth Mother, profondamente amato dallo scrivente. La canzone è una di quelle interamente composte da Wright. La sua melodia malinconica non riesce, di nuovo, a trattenermi da un piccolo e flebile singhiozzo di tristezza.
Ciao Richard, ci mancherai. Tanto.

Caparezza live@Festa di RadioOndaD’Urto -BS,29-08-2008

31 agosto 2008

Sera di fine estate, quadrante Centrale Piano Padano.
Un festival di Radio Onda d’Urto ripulito accoglie i nostri migranti dello spazio, Kungfupandina e Karatemau: le attese da tunnel della droga all’ingresso restano deluse, con sollievo sinceramente (senza perbenismi).
Il pianeta satellite di Brescia risulta sotto assedio: dalle forze dell’ordine (manca solo l’esercito) e dalla politica, che ha reso dura la vita alla cara radio libera (vedi testimonianze degli autoctoni).
Comunque la stazione orbitante regala il solito clima accogliente, caotico ma vitale e stimolante.
L’area concerto è affollata da un popolo variegato, tanti adolescenti (anche con genitori al seguito)…tralasciamo la regressione adolescenziale dei notri protagonisti…
Lo spettacolo è introdotto da un corto ispirato a StarWars che racconta le vicissitudini degli organizzatori del Festival, tra restrizioni legali, gabelle stellari e condizioni da regime. Segue un’intervista rauca al Capa, che sembra quanto mai intellettualoide. Quindi messaggi socio solidali strappalacrime (più che dovuti). E il Capa? E’ ancora in ferie? (altro…)