ANNO 2008: classifiche album

Anno bello, musicalmente bulimico, questo 2008.
Anno in cui ho avvicinato grando miti (Neil), scoperto poco del passato prossimo e molto del passato recente e del nuovo millennio…anno caratterizzato secondo me da molte cose buone e buonissime ma non da dischi che nascono già capolavori (penso agli anni scorsi ed in particolare ad Arcade Fire, Iron & Wine, Flaming Lips, Damien Rice…giusto per fare qualche esempio). Forse però si dovrà solo attendere lo spietato (?) giudizio del tempo.
Le cose ottime ci sono anche quest’anno…non preoccupatevi…

Vorrei segnalarvi una ventina di dischi che hanno caratterizzato il mio 2008 musicale. Si tratta di tutti dischi usciti quest’anno. Mentre vi scrivo scorre in sottofondo un album poco conosciuto dei Led Zeppelin, In Through the Outdoor, che di anni ne ha quasi 30 (anno 1979)…come dire…i vecchi grandi del passato non passano mai nel dimenticatoio, nel TheWallOfSound…

Lascio solo qualche breve appunto su ogni album, per far si che la curiosità stimoli i vostri ascolti, cari avventori. Ormai i miei gusti ed i miei filoni credo si siano ampiamente dispiegati…orsù dunque allora:

ALBUM DELL’ANNO:
lie-down
Bonnie Prince Billy – Lie Down In The Light… ( un disco di quelli che sembra siano sempre esistiti, nasce classico, si sviluppa classicamente, ha canzoni che ti lasciano buon uomore, tristezza, sorrisi e pensieri…ed ogni momento va bene per ascoltarlo )

a seguire in ordine non proprio uniforme…
Paul Weller – 22 Dreams ( articolato e complesso eppure…classicamente rock )
Lindsey Buckingham – Gift of Screws ( uno dei dischi meglio arrangiati degli ultimi anni )
Neil Diamond – Home Before Dark ( contiene una canzone memorabile come pochi sanno scriverne…Pretty Amazing Grace… )
M83 – Saturdays=Youth ( quando gli anni 80 vengono ripresi con tanto tanto tanto gusto )
Merz – Moi et Mon Camion ( questa è la perfetta sintesi tra canzone folk acustica ed elettronica…elettrizzante… )
Black Mountain – In The Future ( questi sono i Led Zeppelin del 2008 )
The Notwist – The Devil, You + Me ( se avete amato Neon Golden e le sue sonorità elettroacustiche, qui c’è pane per i vostri denti )
Carl Craig & Moritz Von Oswald – Recomposed ( sentire Mussorsgky e Ravel ripresi da questi due guru della techno è un’esperienza da provare )
Agalloch – The White EP ( è l’EP dell’anno, arpeggi acustici che si rincorrono in un turbinio proveniente dal metal più duro )
Have a Nice Life – Deathconciousness ( enorme e mastodontica opera autoprodotta, richiede dedizione e tempo alla causa, ma sa ripagare con moneta pregiata )
Late of the Pier – Fantasy Black Channel ( questi grandi ventenni hanno scritto una nuova pagina ed aperto una nuova strada del pop universale )
Shearwater – Rook ( romantici, trascinanti, grondanti di note e di emozioni per una delle opere più coinvolgenti del 2008 )
The New Year – The New Year ( si inseriscono perfettamente tra il post rock e l’elettronica, lasciando, cosa non da poco per il loro genere, trasparire parecchia emozione )
Baustelle – Amen ( disco di un’immediatezza e coinvolgimento fuori dal comune, è la cosa italiana più bella uscita quest’anno )
My Morning Jacket – Evil Urges ( un disco pop rock tamarro, ben scritto, ben suonato, coinvolgente, con canzoni che alzano ed abbassano il ritmo in una miscela perfetta )
White Denim – Workout Holiday ( questo è rock: immediato, coinvolgente e ballabile, senza troppi fronzoli )
Simon Bookish – Everything / Everything ( scoperto recentissimamente, ricorda Patrick Wolf, ma ha una produzione ed una scrittura di canzoni originalissima ed oserei dire, spericolata…fin troppo? )
{{{Sunset}}} – Bright Blue Dream ( trame sonore intrigate ed intriganti, sovraincisioni, immediatezza pop… )
The Aliens – Luna ( semplicemente, i migliori revivalisti ogni epoca…tutta la storia della musica degli ultimi 40 anni, riveduta e corretta )

Annunci
Explore posts in the same categories: Acustico, Blues, Dischi, Elettronica, markus14, Pensieri e parole, Recensioni, Rock

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: