Neon Golden dei Notwist

Notwist - Neon Golden

Germania, Weilheim, 2002. Una Germania che si affaccia al XXI secolo ormai libera della macchia nazista che nel secolo precedente l’aveva notevolmente appesantita nel suo sviluppo. Una Germania che cura la sua identità, inserendovi anche la scoperta del multiculturalismo e del dialogo politico costruttivo.
Certo la scena è cambiata rispetto alla fine dei ’60, ma il Krautrock è ancora capace di piacere e innovare!
Ascoltate questo disco che ho scoperto ben più tardi della sua uscita (2002): Neon Golden dei Notwist è una sapiente fusione di poprock ed elettronica, decisamente piacevole e comunque di spessore…magari fosse questo il pop lanciato dai media ogni giorno!

Nello scorrere lieve e dolce delle canzoni i campionamenti e gli arrangiamenti chitarristici si intrecciano lasciando sul palato un gusto speziato di moderno, con la robustezza del rock classico a sostenere…Il tutto coeso da melodie decisamente orecchiabili ma per nulla scontate o stucchevoli; anzi, l’atmosfera generale è un soffuso disincanto che lascia un tepore polveroso in fondo all’animo.
Ogni canzone ha qualche accento che cattura l’attenzione, che fa canticchiare o battere il ritmo…si inizia dallo zampillare di qualche nota arpeggiata sulla chitarra, si aggiungono sotto archi discreti e un cantato semplice e sentito, poi sopraggiunge l’elettronica a fondere, completare, sostenere ritmicamente, qualche goccia di piano a impreziosire…gran bell’inizio con One step inside doesn’t mean you understand. Sullo stesso tenore le tracce successive, alcune più tappeto sonoro, altre più ballate (Pick up the phone su tutte). Fino al capolavoro, secondo me, Neon golden, canzone che ha tutto il sapore della ruvidezza di certo folkrock americano unito alla morbidezza di arrangiamenti curati e soffusi. Memorabile.


Notwist – Neon Golden (2002)

1. One step inside doesn’t mean you understand
2. Pilot
3. Pick up the phone
4. Trashing days
5. This Room
6. Solitaire
7. One with the freaks
8. Neon Golden
9. Off the rail
10. Consequence

4 profMau

Annunci
Explore posts in the same categories: Dischi, Estera, profMau, Recensioni, Rock

2 commenti su “Neon Golden dei Notwist”

  1. raymonde Says:

    Qualità indubbia, a metà tra le sonorità care agli AIR o agli Zero7 ma leggermente più elettronici, più kraut, più…tedeschi, in efetti… son d’accordo quando utilizzi la parola “soffuso”, che caratterizza bene l’album.
    Ciao

  2. profmau Says:

    grazie del contributo raymonde…a me sono paiciuti alla lunga, a un primo ascolto sembravano un po’ banali…poi il sound mi ha colpito, un taglio originale…ora sto ascoltando i “cugini” lali puna, più elettronici ancora, con voce femminile…non male…


I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: