Notte di Pasqua

Preludio
Nel caldo primo pomeriggio un’ora ritagliata tra le cose da fare, un’ora con un paio d’amici sinceri, a cercare dischi, a cercare soddisfazione nella musica Grande Sorella Consolatrice, a curare qualche scazzo che scotta dentro, a staccare. Ci restano in tasca ascolti che già ci spariamo in macchina: Born to run e i Grinderman

Atto primo
L’adempimento di una promessa (non messianica) mi porta a sentire un concerto punk la notte di Pasqua. In cartellone ai Cantieri di Montecio Rock ci sono gli assurdi ma decisamente simpatici Supercazzoduro e i Deezgrazia. Per questi ultimi sono venuto, per Deez Guzzo Skito e Manu. La coerenza: una birra chiacchierando sereni dietro il palchetto di questo accogliente club trasandato il giusto, un ricordo lasciato su un muro, sobriamente salgono sul palco, suonano la loro semplice mezz’ora, a velocità folle un po’ improvvisando, si sente sotto la spontaneità del rock’n’roll comunque non così suonato male come si vorrebbe dare ad intendere in puro stile punk, sempre coerente suonato/stonato da anni, l’apice Deez che suona una scopa indiavolato fino a farla in pezzi, like rock wants. Crescere non esclude questo: essere se stessi. Un bel po’ di ammirazione.

Intermezzo
Marco mi scrive tale messaggio: ho ascoltato sul sito la nuova canzone dei Wilco, magnifica e deliziosa, il nuovo esce a maggio, imperdibile.
E domani sera si va insieme a sentire i Faust…stimoli elettrici.

Atto secondo
A letto nelle cuffie, nel cuore della notte di Pasqua risuona Brace dei CSI, versione mistica per quintetto d’archi e voce del ’96, da Noi non ci saremo vol.2.
Lindo e Ginevra cullano la resurrezione:
Appare la bellezza mai assillante né oziosa
Languida quando è ora e forte e lieve e austera
L’aria serena e di sostanza sferzante

Buona Resurrezione a tutti, ognuno la sua personale…

Annunci
Explore posts in the same categories: Pensieri e parole, profMau

2 commenti su “Notte di Pasqua”

  1. mikyjpeg Says:

    Grinderman. Sai che li avevo cercati e non li ho trovati?

  2. profmau Says:

    Te li passo io te li passo io…il disco hardrock che tanto aspettavo dai tempi di songs fro the deaf dei QOTSA! Originale e furioso…posterò presto!


I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: